Il volume porta avanti una riflessione sui valori che, di fatto, orientano la comunicazione mediatica e insiste sulla necessità di un ripensamento delle coordinate essenziali ad un autentico agire comunicativo; partendo da una premessa di ordine generale, la strategia anticartesiana che accomuna gran parte della filosofia contemporanea (e che trova nell’idea di una triangolazione proposta da Donald Davidson, «io penso, dunque tu e il mondo siete», una sintesi efficace), il libro insiste sulla necessità di ripensare l’interrogativo fondamentale che sta alla base dell’etica della comunicazione, che domanda anzitutto di identificare una definizione condivisibile di che cosa significhi comunicare bene.

Comunicare bene. Per un'etica dell'attenzione

DI BIASE, Giuliana
2008-01-01

Abstract

Il volume porta avanti una riflessione sui valori che, di fatto, orientano la comunicazione mediatica e insiste sulla necessità di un ripensamento delle coordinate essenziali ad un autentico agire comunicativo; partendo da una premessa di ordine generale, la strategia anticartesiana che accomuna gran parte della filosofia contemporanea (e che trova nell’idea di una triangolazione proposta da Donald Davidson, «io penso, dunque tu e il mondo siete», una sintesi efficace), il libro insiste sulla necessità di ripensare l’interrogativo fondamentale che sta alla base dell’etica della comunicazione, che domanda anzitutto di identificare una definizione condivisibile di che cosa significhi comunicare bene.
Filosofia morale
9788834316009
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11564/136126
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact