Le "muse ribelli" tra rivoluzione estetica e anti-rivoluzione sessuale