Sulla calunnia nel mondo antico: Palamede, Botticelli e una scacchiera