Il saggio critico mira a dimostrare come la concezione dei diritti contenuta nell'opera "Natural Law and Naural Rights" di J. Finnis costituisce una efficace risposta alle interpretazioni soggettivistiche e relativistiche dei diritti dell'uomo che si sono affermate a partire dall'età moderna e che rischiano di vanificare la portata emancipatrice di tale categoria del pensiero filosofico-giuridico, riducendola a strumento di affemazione di tendenze libertine e anarchiche.

Diritti e doveri nella prospettiva filosofico-giuridica di J.M. Finnis

CASCAVILLA, Michele
2009-01-01

Abstract

Il saggio critico mira a dimostrare come la concezione dei diritti contenuta nell'opera "Natural Law and Naural Rights" di J. Finnis costituisce una efficace risposta alle interpretazioni soggettivistiche e relativistiche dei diritti dell'uomo che si sono affermate a partire dall'età moderna e che rischiano di vanificare la portata emancipatrice di tale categoria del pensiero filosofico-giuridico, riducendola a strumento di affemazione di tendenze libertine e anarchiche.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11564/234015
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact