Il commento a Lucano e il "Natalis" di Paolo Marsi