Paul Bowles e il mondo arabo: narrazione come metafora di un dialogo (im)possibile