Il “filo” e l’“ordito”. Dall’ascolto alla teoria musicale e ritorno