Fondata tra la fine del Duecento e gli inizi del secolo successivo, la chiesa, secondo la tradizione, venne concepita come una sorta di contenitore architettonico per inglobare una cappella preesistente che custodiva una miracolosa immagine della Vergine con il Bambino, trasferita nel Seicento sull’altare maggiore e perduta nel 1919 durante i restauri. Le superfici murarie sono connotate da un’elegante bicromia, ottenuta mediante l’impiego di pietra bianca e carparo, che in facciata disegna raffinati motivi geometrici ispirati alla tradizione antica ma anche a monumenti medievali pugliesi e della vicina Grecia. In sequenza fu avviata la decorazione pittorica che, nella prima fase, ebbe come protagonista Rinaldo da Taranto, autore del monumentale Giudizio universale in controfacciata. Nel corso del Trecento le pareti si ricoprirono di dipinti, spesso incorniciati da stemmi e temi araldici, attestando l’importanza dell’edificio per i sovrani napoletani, i principi di Taranto e molte eminenti famiglie dell’aristocrazia meridionale che si ponevano sotto la protezione della Madonna del Casale. In questo volume sono ricostruite analiticamente le vicende del cantiere architettonico e di quello pittorico, inquadrando le scelte progettuali e le conseguenti declinazioni formali nell’ambito della cultura angioina del Trecento e del clima politico e culturale del principato di Taranto, da sempre proiettato verso l’altra sponda dell’Adriatico dove Filippo I e i suoi successori rivendicarono territori vastissimi e titoli altisonanti, compreso quello di imperatori di Costantinopoli.

Santa Maria del Casale a Brindisi. Arte, politica e culto nel Salento angioino

CURZI, GAETANO
2013

Abstract

Fondata tra la fine del Duecento e gli inizi del secolo successivo, la chiesa, secondo la tradizione, venne concepita come una sorta di contenitore architettonico per inglobare una cappella preesistente che custodiva una miracolosa immagine della Vergine con il Bambino, trasferita nel Seicento sull’altare maggiore e perduta nel 1919 durante i restauri. Le superfici murarie sono connotate da un’elegante bicromia, ottenuta mediante l’impiego di pietra bianca e carparo, che in facciata disegna raffinati motivi geometrici ispirati alla tradizione antica ma anche a monumenti medievali pugliesi e della vicina Grecia. In sequenza fu avviata la decorazione pittorica che, nella prima fase, ebbe come protagonista Rinaldo da Taranto, autore del monumentale Giudizio universale in controfacciata. Nel corso del Trecento le pareti si ricoprirono di dipinti, spesso incorniciati da stemmi e temi araldici, attestando l’importanza dell’edificio per i sovrani napoletani, i principi di Taranto e molte eminenti famiglie dell’aristocrazia meridionale che si ponevano sotto la protezione della Madonna del Casale. In questo volume sono ricostruite analiticamente le vicende del cantiere architettonico e di quello pittorico, inquadrando le scelte progettuali e le conseguenti declinazioni formali nell’ambito della cultura angioina del Trecento e del clima politico e culturale del principato di Taranto, da sempre proiettato verso l’altra sponda dell’Adriatico dove Filippo I e i suoi successori rivendicarono territori vastissimi e titoli altisonanti, compreso quello di imperatori di Costantinopoli.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/494685
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact