I «giardini di Adone», metafora platonica della scrittura