Algernon Swinburne e la riscrittura reticente del Decameron