Max Weber e la prima guerra mondiale