Dopo la demolizione delle antiche strutture difensive (1871) Pescara è stata oggetto di un’incontrollata politica di espansione urbana che l’ha portata in breve tempo ad alienare le vaste aree agricole contigue e a distruggere le distese vegetazioni naturali del suo immediato litorale. Se per un verso è stato rifiutato qualunque legame col passato, dall’altro si è tentato di conferire ad essa una nuova identità urbana facendo leva sulla recente ricchezza sociale generata prevalentemente dalle attività commerciali e da quelle turistiche stagionali.

Pescara tra Ottocento e Novecento: da paesaggio agrario a paesaggio antropizzato

FIADINO, Filomena Adelina
2016

Abstract

Dopo la demolizione delle antiche strutture difensive (1871) Pescara è stata oggetto di un’incontrollata politica di espansione urbana che l’ha portata in breve tempo ad alienare le vaste aree agricole contigue e a distruggere le distese vegetazioni naturali del suo immediato litorale. Se per un verso è stato rifiutato qualunque legame col passato, dall’altro si è tentato di conferire ad essa una nuova identità urbana facendo leva sulla recente ricchezza sociale generata prevalentemente dalle attività commerciali e da quelle turistiche stagionali.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cirice_2016_7_7_2017.pdf

accesso aperto

Descrizione: pdf dell'articolo e dell'indice
Dimensione 3.7 MB
Formato Adobe PDF
3.7 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/666581
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact