L’umanismo nella povertà dell’umano, quale “salvezza”?