Eco dannunziane nella "Sfinge" di Luigi Capuana