Del tormentato pontificato di Celestino V, concluso con la rinuncia alla tiara e l'elezione di Bonifacio VIII, la città del L’Aquila ne conserva la memoria attraverso la Perdonanza, una indulgenza plenaria che il pontefice ha concesso alla chiesa di Collemaggio in concomitanza con la sua elevazione al seggio pontificio. Questa indulgenza ha generato una tradizione devozionale, che affonda le sue radici già nel XIV secolo, come dimostrano gli statuti della città.

Alcune riflessioni intorno all’indulgenza di Collemaggio, in Dulcius nil est mihi veritate. Studi in onore di Pasquale Corsi, a cura di Federica Monteleone e Luisa Lofoco, Foggia 2015, pp. 205-221

DEL FUOCO, Maria Grazia
2015-01-01

Abstract

Del tormentato pontificato di Celestino V, concluso con la rinuncia alla tiara e l'elezione di Bonifacio VIII, la città del L’Aquila ne conserva la memoria attraverso la Perdonanza, una indulgenza plenaria che il pontefice ha concesso alla chiesa di Collemaggio in concomitanza con la sua elevazione al seggio pontificio. Questa indulgenza ha generato una tradizione devozionale, che affonda le sue radici già nel XIV secolo, come dimostrano gli statuti della città.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11564/685037
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact