Nuove forme di garanzia e «legalità costituzionale»