"In questo mio guscio di favole". Giorgio Vigolo e il suo tempo