Il testo presenta le lettere che il generale Giovanni Messe, ultimo Maresciallo d'Italia, inviò alla moglie dai fronti greco-albanese, russo e tunisino. Le lettere sono utili a presentarci innanzitutto il generale Messe nella sua veste di comandante e di uomo; inoltre offrono uno spaccato del periodo più complesso della storia recente del nostro Paese che si dipana tra il 1940 e il 1944, e la situazione complessa sui vari fronti in cui Messe si trovò a operare, le sue reazioni alle difficoltà e ai problemi inevitabilmente scaturiti dalla guerra, il suo rapporto con il regime e con Mussolini.

Giovanni Messe. L’uomo e il soldato

Maria Teresa Giusti
2018

Abstract

Il testo presenta le lettere che il generale Giovanni Messe, ultimo Maresciallo d'Italia, inviò alla moglie dai fronti greco-albanese, russo e tunisino. Le lettere sono utili a presentarci innanzitutto il generale Messe nella sua veste di comandante e di uomo; inoltre offrono uno spaccato del periodo più complesso della storia recente del nostro Paese che si dipana tra il 1940 e il 1944, e la situazione complessa sui vari fronti in cui Messe si trovò a operare, le sue reazioni alle difficoltà e ai problemi inevitabilmente scaturiti dalla guerra, il suo rapporto con il regime e con Mussolini.
9788842560135
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/698261
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact