«Restare vivo è molto difficile». Gli italiani sul fronte orientale e l’immagine del nemico