Rapporti tra progymnasmata e tradizione retorica: un caso esemplare