L’ opera offre uno spaccato sulla mediazione penale, unendo l’esperienza e la sensibilità di studiosi e operatori di varia formazione (accademici, avvocati, assistenti sociali, magistrati, criminologi e mediatori) per esaminare da diversi punti di vista la criminal mediation. L’intento è quello di affermare l’idea che la pena carceraria — intesa come sanzione a scopo retributivo — non sia l’unica possibile risposta al reato, all’esigenza di rieducare chi lo ha commesso e alla necessità di tutelare le vittime; si invita, piuttosto, a privilegiare percorsi di dialogo tra l’offeso e l’agente, rispettando l’idea di una pena umana che risponda ai principi costituzionali.

La vittima nel "nuovo mondo" della mediazione penale. Profili di un'assenza

Valentini Cristiana
;
2019

Abstract

L’ opera offre uno spaccato sulla mediazione penale, unendo l’esperienza e la sensibilità di studiosi e operatori di varia formazione (accademici, avvocati, assistenti sociali, magistrati, criminologi e mediatori) per esaminare da diversi punti di vista la criminal mediation. L’intento è quello di affermare l’idea che la pena carceraria — intesa come sanzione a scopo retributivo — non sia l’unica possibile risposta al reato, all’esigenza di rieducare chi lo ha commesso e alla necessità di tutelare le vittime; si invita, piuttosto, a privilegiare percorsi di dialogo tra l’offeso e l’agente, rispettando l’idea di una pena umana che risponda ai principi costituzionali.
978-88-255-2481-9
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/703399
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact