Lo studio dei brevi testi graffiti sulle pareti del "Conventino" di San Giuliano, a partire dal più antico, del 1526, consente di confermare che l'ambiente fu destinato alla funzione di deposito delle reliquie del beato Vincenzo dell'Aquila, rinvenute nel 1518. La ricca decorazione a grisaille che caratterizza l'ambiente va dunque vista come frutto della volontà di dotare quest'ultimo della necessaria dignità monumentale, a seguito del trasferimento delle reliquie.

I graffiti della Cappella del Conventino a San Giuliano. Note preliminari

TEDESCHI, Carlo
2019

Abstract

Lo studio dei brevi testi graffiti sulle pareti del "Conventino" di San Giuliano, a partire dal più antico, del 1526, consente di confermare che l'ambiente fu destinato alla funzione di deposito delle reliquie del beato Vincenzo dell'Aquila, rinvenute nel 1518. La ricca decorazione a grisaille che caratterizza l'ambiente va dunque vista come frutto della volontà di dotare quest'ultimo della necessaria dignità monumentale, a seguito del trasferimento delle reliquie.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TEDESCHI DASP Osservanza Atti.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 4.72 MB
Formato Adobe PDF
4.72 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/703745
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact