L’affermazione dell’artista tedesco Anselm Kiefer secondo cui “l’art survivra à ses ruines”, prima ancora di esprimere una speranza, rappresenta l’indice di un malessere e una inquietudine da tempo vigente nell’arte contemporanea. Infatti, la fine di ogni riferimento normativo sicuro e la conseguente condizione di incertezza hanno generato una profonda ansia derivata dall’anomala situazione in cui si so-no trovate sia l’arte che l’artista. Quest’ultimo è un soggetto ansioso perché non sa se la sua è un’opera d’arte oppure soltanto una geniale trovata a cui la critica attribuisce valore artistico. Si può considerare dunque un artista anche se è legittimato unicamente da quel sistema mediatico-pubblicitario chiamato “mondo dell’arte”? Egli mantiene ben nascosta questa sua condizione patologica. Il suo farmaco è la glorificazione che gli deriva dall’élite culturale mentre la sua presun-ta guarigione coincide con il successo commerciale. Questa impossibilità di stabilire cosa è arte e cosa no apre la strada a esperienze estetiche le quali vanno a collocarsi oltre l’arte stessa, mettendo così in crisi quel sistema che ha fatto della sacralizzazione dell’opera il suo ideale. L’autore, chiamando a testimoniare alcune delle figure più emblematiche dell’estetica e rileggendo i momenti più problematici dell’arte contemporanea, ar-riva ad accreditare la promesse de bonheur implicita nel kitsch, così da fissare una situazione in cui arte e artisti sembrano essersi volatilizzati per lasciare agire in piena libertà il puro godimento dell’oggetto estetico.

L'arte ansiosa. Perché non ci sono più né artisti né arte

Marroni Aldo
2019

Abstract

L’affermazione dell’artista tedesco Anselm Kiefer secondo cui “l’art survivra à ses ruines”, prima ancora di esprimere una speranza, rappresenta l’indice di un malessere e una inquietudine da tempo vigente nell’arte contemporanea. Infatti, la fine di ogni riferimento normativo sicuro e la conseguente condizione di incertezza hanno generato una profonda ansia derivata dall’anomala situazione in cui si so-no trovate sia l’arte che l’artista. Quest’ultimo è un soggetto ansioso perché non sa se la sua è un’opera d’arte oppure soltanto una geniale trovata a cui la critica attribuisce valore artistico. Si può considerare dunque un artista anche se è legittimato unicamente da quel sistema mediatico-pubblicitario chiamato “mondo dell’arte”? Egli mantiene ben nascosta questa sua condizione patologica. Il suo farmaco è la glorificazione che gli deriva dall’élite culturale mentre la sua presun-ta guarigione coincide con il successo commerciale. Questa impossibilità di stabilire cosa è arte e cosa no apre la strada a esperienze estetiche le quali vanno a collocarsi oltre l’arte stessa, mettendo così in crisi quel sistema che ha fatto della sacralizzazione dell’opera il suo ideale. L’autore, chiamando a testimoniare alcune delle figure più emblematiche dell’estetica e rileggendo i momenti più problematici dell’arte contemporanea, ar-riva ad accreditare la promesse de bonheur implicita nel kitsch, così da fissare una situazione in cui arte e artisti sembrano essersi volatilizzati per lasciare agire in piena libertà il puro godimento dell’oggetto estetico.
Ricerca
9788867742226
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/703897
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact