Ponte terrestre tra Mar Nero e Mar Caspio, il Caucaso meridionale rappresenta un crocevia geoeconomico per il transito commerciale di merci e idrocarburi sulla direttrice Est-Ovest. Al tempo stesso, è considerato una regione “a rischio” a causa dell’instabilità legata ai conflitti etnici scoppiati in seguito alla cessazione dell’Unione Sovietica, che hanno condotto alla costituzione di Repubbliche autoproclamate sostenute da Mosca e alla conseguente creazione di barriere strategico-militari lungo instabili linee del “cessate il fuoco”. Il contributo intende quindi fare il punto della situazione sull’assetto confinario della regione, alla luce delle dinamiche geopolitiche e geoeconomiche in atto.

NUOVE BARRIERE, “BORDERSCAPES” E FRAMMENTAZIONE POLITICA NEL CAUCASO MERIDIONALE POST-SOVIETICO

Luca Zarrilli
2018

Abstract

Ponte terrestre tra Mar Nero e Mar Caspio, il Caucaso meridionale rappresenta un crocevia geoeconomico per il transito commerciale di merci e idrocarburi sulla direttrice Est-Ovest. Al tempo stesso, è considerato una regione “a rischio” a causa dell’instabilità legata ai conflitti etnici scoppiati in seguito alla cessazione dell’Unione Sovietica, che hanno condotto alla costituzione di Repubbliche autoproclamate sostenute da Mosca e alla conseguente creazione di barriere strategico-militari lungo instabili linee del “cessate il fuoco”. Il contributo intende quindi fare il punto della situazione sull’assetto confinario della regione, alla luce delle dinamiche geopolitiche e geoeconomiche in atto.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/704558
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact