IT) Il concetto di densità non appartiene solo alla contemporaneità. Le città pre-moderne erano già espressione di una densificazione intra moenia contrapposta allo spazio agricolo e naturale, fuori le mura. Nelle successive forme di densificazione, la città industriale ha soggiogato la campagna per far spazio ai contenitori delle nuove produzioni meccanizzate, fino alle più recenti espansioni che hanno generato ampie aree periurbane e suburbane. In questa sequenza di densificazioni, l’attenzione va posta non solo sulla concentrazione delle volumetrie costruite, ma anche sul progressivo diradamento dello spazio non costruito. I limiti città-campagna-natura sono scomparsi; la crisi della città industriale lascia una nebula di spazi di bordo residuali, abbandonati, defunzionalizzati. Su tali spazi di frontiera, la nuova densificazione che proietta orizzonti di miglioramento per la sostenibilità urbana, comporta una duplice sfida. Affiancare una parallela strategia di ridefinizione qualitativa degli spazi di bordo per innalzare le capacità di resilienza, inclusione, vitalità, smartness e healthiness della città. Ristabilire connessioni protettive, produttive, redditizie ed ecologiche per risignificare, ricucire e rifunzionalizzare i bordi tra un interno della città densa e un esterno che non è più campagna. Le riflessioni su questi due temi faranno riferimento a evidenze emerse da ricerche condotte sui temi della progettazione ambientale degli spazi non costruiti. EN) The concept of urban density does not belong only to the contemporaneity. Pre‐modern cities have already been expressions of building densification against agricultural/natural space outside the urban walls. Later, the industrial city subdued the countryside to make space for the building of the new mechanized productions. The borders between city, countryside and nature have disappeared; the crisis of the industrial city leaves a nebula of residual and abandoned boundary spaces. The new building densification that projects horizons of improvement for urban sustainability, involves a double designing challenge on these boundary spaces. The first challenge concerns the need for a strategy of qualitative redefinition of the boundaries. The second refers to the possibility of re-establishing protective, productive and ecological interactions to re-signify and re-functionalize the boundaries between an interior of the dense city and an outer that is no longer countryside. Working in the dense city on the urban boundaries means restoring value to the unbuilt space as an element limiting the building densification and, at the same time, enhancing the importance of the unbuilt environment as an essential component for improving the quality of life. The design of the urban boundaries, however, also poses difficulties in assessing and measuring the dimensions of the unbuilt space with respect to the dimensions of the building densification. Because their predominant areal, indefinite and changeable identity, the urban boundaries will have to be evaluated considering relational and connective dimensions in order to establish new levels of interactions with the city and the territory. It is necessary to redefine these spaces capturing their ecotonal value, such as transitional spaces: both responding in a diversified and polysemic way to the new users’ needs, and improving the resilience, healthiness, inclusion, vitality, accessibility and smartness of the city.

Sulla densificazione dell’ambiente non costruito. Una riflessione sul valore dei nuovi bordi urbani

ANGELUCCI, Filippo
2021

Abstract

IT) Il concetto di densità non appartiene solo alla contemporaneità. Le città pre-moderne erano già espressione di una densificazione intra moenia contrapposta allo spazio agricolo e naturale, fuori le mura. Nelle successive forme di densificazione, la città industriale ha soggiogato la campagna per far spazio ai contenitori delle nuove produzioni meccanizzate, fino alle più recenti espansioni che hanno generato ampie aree periurbane e suburbane. In questa sequenza di densificazioni, l’attenzione va posta non solo sulla concentrazione delle volumetrie costruite, ma anche sul progressivo diradamento dello spazio non costruito. I limiti città-campagna-natura sono scomparsi; la crisi della città industriale lascia una nebula di spazi di bordo residuali, abbandonati, defunzionalizzati. Su tali spazi di frontiera, la nuova densificazione che proietta orizzonti di miglioramento per la sostenibilità urbana, comporta una duplice sfida. Affiancare una parallela strategia di ridefinizione qualitativa degli spazi di bordo per innalzare le capacità di resilienza, inclusione, vitalità, smartness e healthiness della città. Ristabilire connessioni protettive, produttive, redditizie ed ecologiche per risignificare, ricucire e rifunzionalizzare i bordi tra un interno della città densa e un esterno che non è più campagna. Le riflessioni su questi due temi faranno riferimento a evidenze emerse da ricerche condotte sui temi della progettazione ambientale degli spazi non costruiti. EN) The concept of urban density does not belong only to the contemporaneity. Pre‐modern cities have already been expressions of building densification against agricultural/natural space outside the urban walls. Later, the industrial city subdued the countryside to make space for the building of the new mechanized productions. The borders between city, countryside and nature have disappeared; the crisis of the industrial city leaves a nebula of residual and abandoned boundary spaces. The new building densification that projects horizons of improvement for urban sustainability, involves a double designing challenge on these boundary spaces. The first challenge concerns the need for a strategy of qualitative redefinition of the boundaries. The second refers to the possibility of re-establishing protective, productive and ecological interactions to re-signify and re-functionalize the boundaries between an interior of the dense city and an outer that is no longer countryside. Working in the dense city on the urban boundaries means restoring value to the unbuilt space as an element limiting the building densification and, at the same time, enhancing the importance of the unbuilt environment as an essential component for improving the quality of life. The design of the urban boundaries, however, also poses difficulties in assessing and measuring the dimensions of the unbuilt space with respect to the dimensions of the building densification. Because their predominant areal, indefinite and changeable identity, the urban boundaries will have to be evaluated considering relational and connective dimensions in order to establish new levels of interactions with the city and the territory. It is necessary to redefine these spaces capturing their ecotonal value, such as transitional spaces: both responding in a diversified and polysemic way to the new users’ needs, and improving the resilience, healthiness, inclusion, vitality, accessibility and smartness of the city.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/708138
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact