Il complesso festivo di Sant’Antonio Abate è una delle ritualità popolari più arcaiche e diffuse nelle periferie rurali. In alcune aree, anche a causa della crescente disoccupazione e dell’idea di attirare turisti, le associazioni culturali e le municipalità dedicano le loro energie alla rievocazione storica dei riti in onore di Sant’Antonio, sollecitando interrogativi basilari sulla natura di queste rievocazioni storiche e sulla possibile carenza di quegli elementi spontanei, creativi e sovversivi che gli storici delle tradizioni popolari hanno ravvisato essere alla base del culto antoniano.

Sant’Antonio Abate in Abruzzo dalla documentazione etnografica alla ritradizionalizzazione: un’emergenza patrimoniale

giancristofaro
2019

Abstract

Il complesso festivo di Sant’Antonio Abate è una delle ritualità popolari più arcaiche e diffuse nelle periferie rurali. In alcune aree, anche a causa della crescente disoccupazione e dell’idea di attirare turisti, le associazioni culturali e le municipalità dedicano le loro energie alla rievocazione storica dei riti in onore di Sant’Antonio, sollecitando interrogativi basilari sulla natura di queste rievocazioni storiche e sulla possibile carenza di quegli elementi spontanei, creativi e sovversivi che gli storici delle tradizioni popolari hanno ravvisato essere alla base del culto antoniano.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
volume MAcerata Campania Sant Antonio.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 24.96 MB
Formato Adobe PDF
24.96 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/710069
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact