Sighele, d'Annunzio e l'immaginario della folla