Costanti lessicali e sintattiche nella poesia della prima Arcadia