Giudizio storico e «individualità di valore»: l’incidenza di Hegel sul giovane Lask