Una ‘dispersa’ leopardiana: il "Dialogo di un Lettore di Umanità e di Sallustio"