Un racconto di al-Sādiq al-Nayhūm: «Le ossa e lo sfortunato»