Le “ricordanze” tra pubblico e privato