Il disegno dei borghi abruzzesi tra vulnerabilità e resilienza