L’interpretazione telefonica nel contesto ospedaliero: quello che il medico dice e non dice all’interprete