I media caratterizzano attualmente la maggior parte delle esperienze quotidiane, proponendo una precisa interpretazione delle vicende umane, con una pervasiva capacità di raccontare il mondo in modo sfuggente, non una semplice rielaborazione narrativa, ma una vera e propria ricostruzione della realtà, frammentata ma al tempo stesso e omologante. La funzione d’intermediazione è talmente rilevante che le rappresentazioni della realtà sono oggi così tanto condizionate dalle strategie della comunicazione mediata, da configurare la nuova categoria dell’individuo mediale, caratterizzato da inediti comportamenti e ormai distante dalle modalità tradizionali di socializzazione.

Comunicazione mediale e pensiero critico

Claudio Crivellari
2022

Abstract

I media caratterizzano attualmente la maggior parte delle esperienze quotidiane, proponendo una precisa interpretazione delle vicende umane, con una pervasiva capacità di raccontare il mondo in modo sfuggente, non una semplice rielaborazione narrativa, ma una vera e propria ricostruzione della realtà, frammentata ma al tempo stesso e omologante. La funzione d’intermediazione è talmente rilevante che le rappresentazioni della realtà sono oggi così tanto condizionate dalle strategie della comunicazione mediata, da configurare la nuova categoria dell’individuo mediale, caratterizzato da inediti comportamenti e ormai distante dalle modalità tradizionali di socializzazione.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Crivellari_Educazione 4.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 264.64 kB
Formato Adobe PDF
264.64 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11564/789495
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact