Il contributo analizza un manufatto scultoreo conservato in una chiesa delle campagne teramane raffigurante una Maiestas Domini. I caratteri iconografici e stilistici rimandano alle miniature di VIII secolo di ambitomerovingio/carolingio. La lastra è stata successivamente rilavorata, probabilmente intorno alla metà del IX secolo. Il manufatto è una straordinaria attestazione archeologica che si ricollega alla presenza di una curtis publica, donata da Carlo il Calvo alla chiesa teramana, attestata nelle vicinanze.

Tra cielo e terra: una inedita Maiestas Domini altomedievale dalle campagne abruzzesi

S. Antonelli
2022-01-01

Abstract

Il contributo analizza un manufatto scultoreo conservato in una chiesa delle campagne teramane raffigurante una Maiestas Domini. I caratteri iconografici e stilistici rimandano alle miniature di VIII secolo di ambitomerovingio/carolingio. La lastra è stata successivamente rilavorata, probabilmente intorno alla metà del IX secolo. Il manufatto è una straordinaria attestazione archeologica che si ricollega alla presenza di una curtis publica, donata da Carlo il Calvo alla chiesa teramana, attestata nelle vicinanze.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
08-Antonelli.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 1.11 MB
Formato Adobe PDF
1.11 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11564/795954
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact