Convergenze nella Roma barocca: Borromini e Pietro da Cortona