L’abitato è cinto da diversi circuiti murari difensivi e sostruttivi, che presentano almeno due fasi di utilizzazione, una databile alla fase ellenistico-romana, mentre la seconda ad età tardo-medievale. Sulla sommità del colle, che fungeva da acropoli, sono stati portati in luce due templi, “Tempio A” e “Tempio B”, ascrivibili al periodo tra III e I sec. a.C. Il primo tempio (A) risulta poco conservato, soprattutto per la parte relativa al podio, scavato direttamente nel substrato roccioso della collina. Il secondo, il Tempio B, ancora in fase di scavo, è molto interessante, sia per la tipologia di materiali, sia per le fasi più tarde di riutilizzo dell’area, con sepolture altomedievali che riutilizzano i materiali lapidei del tempio. Da segnalare è la presenza di numerosissimi frammenti di intonaci colorati, con una decorazione ad onde, attestati anche in area campana e tarentina.

Capestrano 2016. L'Abitato

Oliva Menozzi;DI VALERIO, EUGENIO
2016

Abstract

L’abitato è cinto da diversi circuiti murari difensivi e sostruttivi, che presentano almeno due fasi di utilizzazione, una databile alla fase ellenistico-romana, mentre la seconda ad età tardo-medievale. Sulla sommità del colle, che fungeva da acropoli, sono stati portati in luce due templi, “Tempio A” e “Tempio B”, ascrivibili al periodo tra III e I sec. a.C. Il primo tempio (A) risulta poco conservato, soprattutto per la parte relativa al podio, scavato direttamente nel substrato roccioso della collina. Il secondo, il Tempio B, ancora in fase di scavo, è molto interessante, sia per la tipologia di materiali, sia per le fasi più tarde di riutilizzo dell’area, con sepolture altomedievali che riutilizzano i materiali lapidei del tempio. Da segnalare è la presenza di numerosissimi frammenti di intonaci colorati, con una decorazione ad onde, attestati anche in area campana e tarentina.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CAPESTRANO ABITATO 2016.pdf

accesso aperto

Tipologia: Altro materiale allegato
Dimensione 187.22 kB
Formato Adobe PDF
187.22 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11564/131338
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact