Restauro, tra astrattezza e inibizione