Una società "infantile" della comunicazione può badare ai minori?