Recensione a Mariafilomena Anzalone, Volontà e soggettività nel giovane Hegel