Sei poeti e il reale ingrato