La società si serve del diritto per indurre la gente ad assumere comportamenti differenti rispetto a quelli che adotterebbe in assenza. Tale proposito basilare pone il diritto in una condizione di stretta dipendenza dalle profonde e imprescindibili conoscenze relative alle molteplici cause del comportamento umano. Quanto più accurate sono tali conoscenze tanto maggiore sarà la capacità di conseguire gli obiettivi sociali che ci prefissiamo attraverso gli strumenti del diritto. In questo articolo, i Professori Jones e Goldsmith, sostengono che l’attuale sviluppo dei vari ambiti legati alla biologia comportamentale, ha contribuito in breve tempo a rendere obsoleti gli assunti sulla nascita dei comportamenti umani che si erano consolidati nel tempo. Secondo la loro opinione, la biologia comportamentale potrebbe migliorare l’efficacia e l’efficienza del diritto, perché permette di affinare la comprensione giuridica delle cause dei comportamenti umani. La parte I esamina come e perché diritto e biologia comportamentale si connettono. La parte II fornisce un’introduzione ai concetti chiave della biologia comportamentale. La parte III identifica, esplora ed illustra un’ampia varietà di contesti nei quali la biologia comportamentale può tornare utile al diritto. La parte IV verte sulle problematiche che talvolta si obiettano in merito alla determinazione delle influenze biologiche sul comportamento umano.

Diritto e biologia comportamentale

ROMEO, FRANCESCO
2006

Abstract

La società si serve del diritto per indurre la gente ad assumere comportamenti differenti rispetto a quelli che adotterebbe in assenza. Tale proposito basilare pone il diritto in una condizione di stretta dipendenza dalle profonde e imprescindibili conoscenze relative alle molteplici cause del comportamento umano. Quanto più accurate sono tali conoscenze tanto maggiore sarà la capacità di conseguire gli obiettivi sociali che ci prefissiamo attraverso gli strumenti del diritto. In questo articolo, i Professori Jones e Goldsmith, sostengono che l’attuale sviluppo dei vari ambiti legati alla biologia comportamentale, ha contribuito in breve tempo a rendere obsoleti gli assunti sulla nascita dei comportamenti umani che si erano consolidati nel tempo. Secondo la loro opinione, la biologia comportamentale potrebbe migliorare l’efficacia e l’efficienza del diritto, perché permette di affinare la comprensione giuridica delle cause dei comportamenti umani. La parte I esamina come e perché diritto e biologia comportamentale si connettono. La parte II fornisce un’introduzione ai concetti chiave della biologia comportamentale. La parte III identifica, esplora ed illustra un’ampia varietà di contesti nei quali la biologia comportamentale può tornare utile al diritto. La parte IV verte sulle problematiche che talvolta si obiettano in merito alla determinazione delle influenze biologiche sul comportamento umano.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/274158
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact