Il riso ambiguo di una Medusa in qipao: una lettura critica de La regina di Shanghai