"Vaghe storie dell'orso..." ovvero Intorno all'ultimo caso leopardiano: nuovi 'autografi' e vecchie copie dell'Infinito