Sulla "funzione sociale" del diritto alla protezione dei dati personali