Pareto, Leopardi e il principio della supremazia. Note sulla società “contro-bilanciata”