Il grido del corpo e dell'anima. Una lettura del «Gritlianum» di Franz Rosenzweig