Antinum, odierna Civita d’Antino, fu roccaforte dei Marsi e divenne municipium subito dopo la Guerra Sociale. La sua posizione arroccata su uno sperone roccioso posto tra i 900 e i 915 metri, che domina la Val Roveto ed il sottostante fiume Liri, ha reso il sito luogo ideale per un centro fortificato a guardia e controllo della via che metteva in collegamento l’Abruzzo con il Lazio meridionale, ed in età romana le colonie di Alba Fucens e Sora.

Area Archeologica di Porta Campanile 2014

Oliva Menozzi
2014

Abstract

Antinum, odierna Civita d’Antino, fu roccaforte dei Marsi e divenne municipium subito dopo la Guerra Sociale. La sua posizione arroccata su uno sperone roccioso posto tra i 900 e i 915 metri, che domina la Val Roveto ed il sottostante fiume Liri, ha reso il sito luogo ideale per un centro fortificato a guardia e controllo della via che metteva in collegamento l’Abruzzo con il Lazio meridionale, ed in età romana le colonie di Alba Fucens e Sora.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ANTINUM.pdf

accesso aperto

Tipologia: Altro materiale allegato
Dimensione 103.42 kB
Formato Adobe PDF
103.42 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11564/686165
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact