Dall’“azione penale apparente” al processo della verità apparente